Navigare Facile

Tipi di Acciaio Inox

I Tre tipi di Acciaio Inossidabile

Quella degli acciai inossidabili è un'ampia famiglia i cui componenti si distinguono secondo le diverse percentuali di elementi da cui sono formati. Come si può ben immaginare, diverse composizioni chimiche hanno come diretta conseguenza caratteristiche differenti che coratterizzano così i diversi tipi di acciai inossidabili.

Pur essendo numerosissimi, gli acciai inox possono comunque essere suddivisi in tre sottogruppi; vediamo quali:

Acciaio inox martensitico: conosciuto anche come acciaio 'serie 00', questa famiglia di acciai si caratterizza per le elevate caratteristiche meccaniche, nonché per l'ottima lavorabilità. Le caratteristiche sono anche: elevata resistenza alla scorrimento viscoso (deformazione dovuta alle alte temperature o ad uno sforzo costante), saldabilità critica e minor resistenza alla corrosione. Queste particolarità derivano dalla composizione degli acciai inox martensitici: carbonio, manganese, cromo (nella più bassa percentuale tra le famiglie degli acciai inox), cilicio, molibdeno e, talvolta, zolfo (nel caso in cui si desideri ottenere truciolabilità); non è incluso però il nikel. Possiamo trovare esempi di questi tipi di acciai negli utensili più comuni come: coltelli, iniettori, forbici, bisturi ed anche nei motori a scoppio).

Acciaio inox ferritico: in questo caso, il cromo è parte della lega con percentuali che possono variare dall'11 al 30%, secondo la resistenza alla corrosione che si desidera ottenere. A differenza del primo gruppo, quello degli acciai inox ferritici contengono: alluminio (resistente all'ossidazione), molibdeno e zolfo (ne migliora la lavorabilità). La caratteristiche che distingue gli acciai inox ferritici da quelli del primo gruppo è che, in questo caso, ci si trova davanti ad un acciaio inossidabile magnetizzabile. Gli impieghi degli acciai inox ferritici sono innumerevoli e vanno dal vasellame alla posateria, fino ad acquai, lavelli, forniture di vario genere, ponti navali, lamine per rivestimenti e così via.

Acciaio inox austenico: composto da nikel e cromo in quantità tali da poter conservare la struttura austenica anche a temperature ambiente, questo tipo di metallo viene classificato secondo le percentuali dei due elementi. Tuttavia, è possibile dire che la composizione base è rappresentata dal 18% di cromo e dall'8% di nikel. Altri elementi, come il titanio ed il niobio, fanno poi di questo tipo di acciaio uno dei più costosi acciai di uso comune. Le caratteristiche e le proprietà di questo tipo di acciai sono innumerevoli; per esempio, si parla di resistenza alla corrosione, facilità di ripulitura, ottima lavorabilità,saldabilità e forgiabilità, ottimo coefficiente igienico e così via.
Dai prodotti alimentari (lattine per bibite, pentole, servizi per la cucina ecc.) fino agli scopi industriali, gli acciai inox austenici presentano un ampissimo raggio di utilizzo; ecco così sottoforma di apparecchi per il controllo dell'inquinamento, attrezzi per l'industria chimica, serbatoi per gas liquidi, mattatoi, fabbriche di liquori eccetera.